Formazione Permanente

Frati Minori cappuccini d'Abruzzo

 

 

Sant'Angelo di Amatrice (RI)

11 aprile 2017

 

 

Prosegue l'esperienza dei frati cappuccini nella zona terremotata.

Superate le difficoltà dell'inverno compresa un'abbondante quanto anomala nevicata, è finalmente arrivata la primavera. I disagi per la gente del luogo però rimangono sia per gli enormi ritardi sulla consegna delle casette sia per il tessuto sociale è totalmente disgregato ed occorreranno anni per tornare ad una parvenza di normalità. Cè una generica sfiducia nel futuro ed un senso di abbandono da parte dello stato che è più presente nella città (o quel che ne resta) di Amatrice che nelle numerosi frazioni limitrofe.

La popolazione rimasta, più che altro allevatori, si è arrangiata come ha potuto o con mezzi propri o tramite donazioni di associazioni private. La Caritas diocesana ha avuto e continua ad avere un ruolo importantissimo poichè oltre ai compiti che le sono propri, si è fatto carico anche di trovare soluzioni abitative provvisorie; a tal fine il lavoro dei frati è essenziale poichè potendo entrare nel territorio in modo quasi capillare, possono raccogliere e mettere a conoscenza le esigenze dei singoli. Attendiamo i prossimi mesi per vedere se la consegna delle casette e di un polo commerciale riuscirà a fare ripopolare la zona svuotata dallo scorso Ottobre ma soprattutto far ripartire sia l'economia e  soprattutto la speranza.

 

fr. Roberto Inzerillo

Cookie Policy