Novità - Eventi di rilievo

Il 25 novembre u.s. la Congregazione delle cause dei Santi, con l’autorizzazione del santo padre Francesco ha promulgato, tra gli altri, “il miracolo attribuito all’intercessione della Beata Maria di Gesù (al secolo: Carolina Santocanale), Fondatrice della Congregazione delle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes; nata il 2 ottobre 1852 a Palermo (Italia) e morta il 27 gennaio 1923 a Cinisi (Italia)”.  Ad appena cinque anni dalla solenne beatificazione, avvenuta nella cornice stupenda dei mosaici della Basilica-Cattedrale di Monreale il 13 giugno 2016, suor Maria di Gesù si appresta a ricevere l’aureola dei santi. Gioiscono a vario titolo per questo evento, atteso e sperato:

l’arcidiocesi di Palermo, in cui Carolina Santocanale è nata e ha vissuto un tratto significativo della sua vita cristiana e della sua ricerca vocazionale;

l’arcidiocesi di Monreale, che ha visto l’affermarsi e il fiorire della santità e delle opere di suor Maria di Gesù;

la Congregazione delle suore cappuccine da lei fondata, attiva oltre che in Italia, in Brasile, Albania, Messico e Madagascar;

l’Ordine cappuccino, che ha accolto nel suo carisma l’ispirazione della Madre;

la comunità civile e sociale di Cinisi, infine, che da sempre si è rivolta a lei come alla “Signura matri” e ne custodisce gelosamente le spoglie mortali nell’artistica cappella, attigua alla chiesetta della Congregazione in via Sacramento.

Come già il santo cappuccino fra Bernardo da Corleone (1605-1667), che era invocato come “patrono delle parturienti”, così anche la novella santa si è, per così dire, “specializzata” nel favorire maternità insperate e parti impossibili. E proprio grazie a uno di questi eventi miracolosi si è aperta per suor Maria di Gesù la via per la canonizzazione, come leggiamo nelle motivazioni del decreto: “L’invocazione alla Beata è stata univoca, fatta da tre persone con fede, utilizzando una reliquia. Sussiste il nesso causale tra l’invocazione alla Beata Santocanale e la ripresa spontanea e completa con il ripristino della fertilità della Signora, che ha portato alle due gravidanze regolarmente terminate, con le nascite dei due bambini”. Ci riempie infine di stupore una felice coincidenza: anche la madre Maria Francesca di Gesù (Anna Maria Rubatto, nata a Carmagnola il 14 febbraio 1844 e morta a Montevideo il 6 agosto 1904) fondatrice delle suore cappuccine di Loano, si appresta a essere iscritta nell’albo dei Santi. Le due Fondatrici si sono incontrate nel tentativo di arrivare a un’unica famiglia religiosa ma poi, per motivi provvidenziali, il progetto non ebbe seguito e ognuna seguì la sua strada. Ora il titolo di “santa” le accomuna e le unisce per sempre nell’eternità, come in vita le ha unite il tratto signorile e la tenerezza materna.

fra Giovanni Spagnolo