Novità - Eventi di rilievo

L'arcivescovo delegato pontificio ha mostrato ai fedeli riuniti nella piazza davanti la Basilica della Santa Casa, la bolla di indizione

Vito Punzi, Loreto

L'arcivescovo delegato pontificio che mostra ai fedeli riuniti nella piazza davanti alla Basilica della Santa Casa, la bolla di indizione dell’Anno giubilare lauretano. È l’immagine simbolo della giornata vissuta ieri dalla città marchigiana che custodisce la casa di Maria. Poco prima, al termine della Messa presieduta nella Basilica, il reggente della Penitenzieria Apostolica, monsignor Krzysztof Nykiel l’aveva ufficialmente consegnata nelle mani dell’arcivescovo di Loreto Fabio Dal Cin.

 

Dunque dal prossimo 8 dicembre si celebrerà il Giubileo lauretano «Maria Regina et Janua Coeli», concesso da papa Francesco e che si concluderà il 10 dicembre 2020. Sul sagrato l’arcivescovo delegato pontificio Dal Cin ha letto il decreto davanti a pellegrini, autorità, cittadinanza loretana e comunità religiosa.

«Già da oltre sette secoli – ricorda il decreto – mossi da fiducia verso la Madre di Dio, alla Santa Casa di Loreto accorrono i fedeli da tutto il mondo cristiano, tra i quali appunto si celebra con singolare devozione la memoria del Verbo Divino fatto uomo nel seno di Maria. In verità Dio, ricco di Misericordia, per intercessione della Vergine Madre, non cessa di effondere benevolmente lì, in quella Casa, l’abbondanza dei celesti doni per la salute dell’anima e del corpo».

E così, anche in occasione dei cento anni dalla proclamazione della Madonna di Loreto patrona degli Aeronauti, il Papa concede «il dono dell’indulgenza plenaria in forma di Giubileo. Gli stessi ingenti benefici spirituali», oltre che presso la Basilica di Loreto - dove l’8 dicembre verrà aperta la Porta Santa -, «potranno ottenersi nelle cappelle degli aeroporti civili e militari, nonché nelle cappelle dei reparti dell’Aeronautica Militare». Un’estensione, quest’ultima, prevista nel decreto, poiché fin dalla sua nascita, nel 1923, l’Aeronautica Militare si è affidata alla protezione della Madonna di Loreto. Per questo ieri a Loreto erano presenti il comandante delle Scuole/3^ Regione Aerea, generale Aurelio Colagrande, in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore, generale Alberto Rosso, e il colonnello Luca Massimi, comandante del Centro di formazione Aviation english di Loreto.

«La felice coincidenza dell’indizione del Giubileo lauretano con la festa di tutti i Santi – ha sottolineato l’arcivescovo – ci dice il senso di questo evento, che nell’immagine del "volo" coglie la metafora della vita cristiana: tutti siamo chiamati alla santità, alla gioia vera. Abbiamo bisogno di volare alto per vedere noi stessi, la realtà, il mondo, il creato, la nostra stessa vita nella maniera giusta, dalla prospettiva di Dio, cogliendone il significato autentico».

Con l’occasione l’arcivescovo Dal Cin ha ricordato l’ulteriore grande dono ricevuto il 31 ottobre da papa Francesco, il quale ha disposto l’iscrizione della memoria facoltativa della Beata Vergine Maria di Loreto nel Calendario romano generale di tutta la Chiesa: «Perciò – ha ricordato – non solo nelle Marche, ma in ogni parte del mondo, si potrà celebrare il 10 dicembre di ogni anno la memoria della Beata Vergine Maria di Loreto».

Infine il delegato pontificio di Loreto ha annunciato l’iniziativa "Pietre Vive", che «desidera essere un coro universale di preghiera, che di giorno e di notte, si innalza al Signore e che vuol raggiungere tutti: famiglie, giovani, ammalati, pellegrini…in ogni parte della terra. Coloro che vogliono connettersi formeranno una rete di preghiera legata alla Santa Casa, che sia in continuità con quella della Sacra Famiglia».

Prima della recita dell’Angelus, a chiusura dell’intera cerimonia, Dal Cin ha ringraziato il cardinale Mauro Piacenza, Penitenziere Reggente, promulgatore del Decreto, monsignor Nickiel per la presenza, come pure il sindaco di Loreto, Paolo Niccoletti, il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto, e il generale Colagrande.

(fonte: https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/indetto-il-giubileo-lauretano )