Segretariato Nazionale Fraternità–Formazione
dei Frati Minori Cappuccini italiani

 

Riviste e Notiziari

Italia Francescana

Nuovo numero

Tutti gli articoli dal 2005 al 2011 sono raccolti qui nel n. 3 di ogni annata. Clicca la voce

"Indice generale"



Clarisse Cappuccine d'Italia

Federazione "Sacra Famiglia"

Notiziario Federale n. 51 e 52

(per utenti registrati)

Home

Novità - Eventi di rilievo

Commentando l’invio dei settantadue discepoli, ossia il medesimo brano evangelico ascoltato da san Francesco nella Porziuncola, papa Francesco domenica 7 luglio 2019 tra l’altro ha affermato che gli imperativi di Gesù “mostrano che la missione [...] non è proselitismo ma annuncio”.

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Non so Lei cosa ne pensa, ma ho timore di diventare anche io, negli anni, un prete dal viso cupo. Sono entrato in seminario perché vedevo un sacerdote della mia parrocchia sempre sorridente e ho pensato che volevo essere come lui, un prete che comunica speranza. Poi però l’esperienza che sto facendo in questi anni mi mostra che quella non dico sia un’eccezione, ma quasi. Un seminarista

La nostra comunità è piccola, ma affiatata. Una sorella sta a casa e il resto di noi lavora fuori parecchie ore al giorno. C’è anche una giovane che studia e porta una bella freschezza in casa. A dirLe il vero, però, non si può dire che siamo una realtà “viva”. C’è un’aria stanca, quasi depressa. Quando abbiamo incontri allargati con altre nostre consacrate, dopo la gioia iniziale di ritrovarsi, sembra che prevalga un senso critico che, a mio parere, non ci fa per niente bene. Una consacrata

Ho accomunato queste riflessioni perché toccano lo stesso tema, che ritengo importante: dove è finita la gioia nelle nostre scelte di vita? Non è scontato, infatti, che le coppie, le comunità, i presbiteri, o gli ambienti di vita religiosa comunichino un senso di benessere rispetto alla propria vocazione e quindi trasmettano gioia. Che non è euforia passeggera, né allegria a buon mercato. La gioia è una cosa seria.

 

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Pubblicato il decreto sulla Gazzetta Ufficiale; l'intesa firmata lo scorso febbraio. Monsignor Bulgarelli (Cei): passo importante sia per il ruolo delle Facoltà e istituti sia per i loro studenti


Diventa operativo l’accordo tra Italia e Santa Sede per il riconoscimento delle lauree conseguite nelle Università Pontificie, nelle Facoltà teologiche e negli Istituti di Scienze religiose.

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

La cerimonia nel giorno in cui la Chiesa celebra il santo patrono d'Europa. Boccardo: Benedetto prima che costruttore di monasteri ha edificato identità e comunità

Nel giorno in cui la Chiesa celebra la solennità di san Benedetto, patrono d’Europa e fondatore del monachesimo occidentale, viene posata a Norcia la prima pietra del nuovo monastero dedicato al santo abate. Sarà realizzato a San Benedetto in Monte, dove i monaci, guidati dal priore padre Benedetto Nivakoff, si sono trasferiti dopo che la basilica e il monastero nel centro storico della cittadina umbra sono crollati per il terremoto del 2016. Quella che verrà realizzata sulla collina di Norcia sarà una nuova costruzione che affiancherà l'esistente chiesa appartenuta a un ex convento cappuccino. Il nuovo monastero, spiega il priore, «si svilupperà su circa 2mila metri quadrati e con l’aiuto di Dio contiamo di completarlo in tre anni».

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo
Card. Francesco Montenegro:
"La chiesa ha il diritto di intervenire sul comportamento dei cattolici?
Deve insegnare solo preghiere o, come chiede il Vangelo,
deve difendere la dignità delle persone?
Essere cristiani non significa essere religiosi ma essere più umani"


Pubblichiamo il testo dell’omelia che il card. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento ha pronunciato in occasione della Festa di S.Calogero, Domenica 7 luglio 2019, durante il Pontificale per la festa di S.Calogero nell’omonimo Santuario di Agrigento.

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Una "nostalgia del cielo" la porta in convento, poi la via crucis della malattia. Ora, insieme alle sue onco-amiche, prega per il bisogno urgentissimo di speranza che è di tutti

La prima volta che mi scrisse (commentando una riflessione sul mio blog) pensai a uno scherzo, si firmò Suor Chiara di Assisi. Invece no, era proprio una persona in carne e ossa! Fa servizio nella Sacrestia della Porziuncola ed è stata catturata da Gesù per quella promessa del centuplo.

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Infornata di nuovi membri al Dicastero che si occupa degli Istituti di Vita Consacrata. Per la prima volta il papa nomina anche superiori degli isituti femminili

 

Entrano anche le superiori generali delle Famiglie religiose femminili tra i nuovi membri della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica. La Congregazione, guidata dal prefetto il cardinale Joao Braz de Aviz, è composta di cinque uffici e si occupa di promuovere e regolamentare le forme di vita consacrata e monastica nella Chiesa Cattolica.

Leggi tutto...

 
Editoria - Novità editoriali

Questo volume presenta l’edizione della Vita et miracula di Rosa da Viterbo così come si legge nel verbale del processo di canonizzazione indetto nel 1456 da papa Callisto III, detto perciò “callistiano”, e svoltosi nella città toscana tra il marzo e il luglio 1457, due secoli dopo la morte della Vergine viterbese. L’edizione è il frutto di un lavoro collettivo e sperimentale: si tratta infatti del primo esito del Laboratorio di agiografia. Filologia, edizione, interpretazione delle fonti attivato nel 2016-2017 presso la Scuola superiore di studi medievali e francescani della Pontificia Università Antonianum. Un’esperienza dunque che nasce direttamente dall’attività didattica, in modo tale da porsi come esempio da tener presente per future edizioni. Il testo latino, corredato dalla traduzione italiana opera di Fortunato Frezza, è preceduta dalla Prefazione di Alessandra Bartolomei Romagnoli e da un’ampia Introduzione dei curatori, ed è seguita dalla Postfazione del medesimo Frezza.

Scarica la presentazione in PDF
 
Editoria - Novità editoriali

Scarica qui l'invito

 
Novità - Eventi di rilievo

Papa Francesco nel suo ministero di misericordia domenica 16 giugno 2019 visita la città di Camerino ferita gravemente dal terremoto del 2016 onde richiamare anche l'aiuto alla ricostruzione. Ma a ciò si aggiunge che la diocesi di Camerino-San Severino Marche è terra importante per la storia francescana. Infatti qui passò frate Francesco d'Assisi quando con frate d'Egidio si incamminò verso le Marche per esortare ad abbandonare i vizi e vivere secondo il Vangelo; poi vi giunse il beato Giovanni da Parma, ministro generale dei frati Minori prima di san Bonaventura. Successivamente iniziò il movimento dell'osservanza minoritica con il beato Paoluccio da Foligno e che ebbe tra i suoi rappresentanti il beato Pietro da Mogliano sepolto nella cattedrale camerte assieme al suddetto beato parmense. Anche le origini dei frati Cappuccini sono legate a Camerino soprattutto grazie al sostegno della duchessa Caterina Cybo, moglie di Giovanni Maria Varano nonché nipote di papa Innocenzo VIII.

Leggi tutto...

 

I Frati Cappuccini per i terremotati

Vescovi italiani OFM Cap

FRA CALOGERO PERI

Vescovo di Caltagirone (CT)

Vai alla Pagina >>


 

FRA PAOLO MARTINELLI

Vescovo Ausiliario di Milano

Vai alla Pagina >>


FRA GIOVANNI RONCARI

Vescovo di Pitigliano-Sovana-Orbetello (GR)

Vai alla Pagina >>

Accoglienza

Centro di spiritualità
Franciscan Capuchin Monastery
GERUSALEMME

scarica il depliant