Calendario liturgico
Aprile 2014
L M M G V S D
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 1 2 3 4
Riviste e Notiziari

Italia Francescana

Nuovo numero

fede e testimonianza

Tutti gli articoli dal 2005 al 2011 sono raccolti qui nel n. 3 di ogni annata. Clicca la voce

"Indice generale"



Clarisse Cappuccine d'Italia

Federazione "Sacra Famiglia"

Notiziario Federale n. 51 e 52

(per utenti registrati)

Home
Novità - Eventi di rilievo

"Imparò in fretta a fare il Papa", dice il cardinale di Cracovia, "con tanto ascolto e tanta preghiera"

Si guarda indietro, perché la domanda la intuisce e già un velo di commozione gli scende sullo sguardo. Eminenza, c’è una parola, una sola, un fatto, uno solo, di Karol Wojtyla che lei ha inchiodato nella memoria e nel cuore? Il cardinale Stanislaw Dziwisz conobbe Karol Wojtyla a 18 anni, nel 1957. Era il suo professore di etica. Sei anni dopo, il 23 giugno 1963, Wojtyla, giovane vescovo di Cracovia, lo ordinò sacerdote. Le prime tappe sono state queste e tutto sembrava fermarsi lì.

Finché un giorno dell’ottobre 1966 l’arcivescovo metropolita di Cracovia lo invitò a casa. Aveva ventisette anni e gli chiese di aiutarlo come suo segretario personale. «Da quando?», chiese don Stanislaw. «Da subito», rispose Wojtyla. E il giorno dopo Stanislaw Dziwisz cominciò l’avventura più importante della vita. Il cardinale a volte si commuove, stringe forte le mani dell’interlocutore, serra un po’ le labbra. Chi lo va a trovare nella casa di Cracovia, che fu di Wojtyla, lo sa che se si domanda delle sue emozioni lui si turba, ma non le nasconde affatto. Non ha paura delle lacrime, il cardinale di Cracovia. E risponde: «Ci penso, ma è un turbinio di immagini e di parole, risento la sua voce possente, che sapeva farsi dolcissima, ma anche diventare invettiva, come quel giorno ad Agrigento contro la mafia, o cercare di superare le grida della piazza in Nicaragua quando i sandinisti gli avevano spento il microfono e lui gridava più forte. Rivedo tutto, risento tutto, 27 anni di pontificato e prima, gli anni in Polonia».

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

La tragica esperienza vissuta accanto a Gesù da uno dei 12 apostoli, Giuda Iscariota. Ad essa, che rappresenta uno dei drammi più foschi della libertà umana, il predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, ha dedicato la sua omelia nella Celebrazione della Passione del Signore presieduta in questo Venerdì Santo da Papa Francesco nella Basilica Vaticana. La sua vicenda, afferma, ha tanto da dirci su noi stessi, ma soprattutto sulla risposta di Gesù al peccato. Il servizio di Adriana Masotti:

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

L’arte e la Resurrezione di Cristo trovano straordinari punti di intersezione in molti dipinti e affreschi. In questo servizio di Amedeo Lomonaco vi proponiamo un percorso iconografico attraverso le opere, in particolare, di Piero Della Francesca, di Raffaello e di Caravaggio.

La vittoria del Risorto sulla morte è celebrata da molti, grandi artisti. Tra questi, Piero della Francesca nell’affresco “Resurrezione di Cristo”, eseguito tra il 1450 e il 1463, pone al centro la figura di Gesù e, più in basso, degli uomini che dormono alla base del sepolcro. Rodolfo Papa docente di Storia delle teorie estetiche presso la Pontificia Università Urbaniana:

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Esercizi spirituali

predicati da S. Ecc. mons. Calogero Peri

Vescovo Cappuccino della diocesi di Caltagirone

Martedì 15 aprile ore 20.00

Mercoledì 16 aprile ore 20.00

Giovedì 17 aprile ore 20.00

su www.teleradiovita.it

 
Novità - Eventi di rilievo

Riflessione sul triduo pasquale

di S. Ecc. mons. Calogero Peri

Vescovo Cappuccino della diocesi di Caltagirone

Giovedì 17 aprile ore 16.30

su www.teleradiopadrepio.it

e sul canale 145 del digitale terrestre

 
Novità - Eventi di rilievo

I giorni della Settimana Santa sono per la Chiesa un cammino densissimo di spiritualità e ritualità, come dimostra il tradizionale e fitto calendario di appuntamenti di Papa Francesco, in particolare modo durante il Triduo Pasquale. Lo ricorda in questo servizio Alessandro De Carolis:

Giuda che lo tradisce o il Cireneo che lo aiuta con la croce? Pilato che lo lascia condannare lavandosene le mani o sua Madre che usa le mani per accarezzare le sue piaghe? La folla che lo sbeffeggia impietosamente o le donne che pietosamente fanno proprio ogni minuto della sua agonia? È un esame di coscienza stringente quello col quale Papa Francesco ha aperto ieri la Settimana Santa. “Chi sono io davanti a Gesù che soffre?” è la domanda che accompagnerà i cristiani in questi giorni in cui la verità della fede diventa, più che in altri momenti, un’esperienza di carne e sangue. Un’esperienza alla quale, nel corso del suo primo anno di Pontificato, Francesco – il Papa delle “periferie” – ha abituato la Chiesa, spronandola ad aprire le porte e a diventare un cuore palpitante di carità verso chi è sempre ai margini, ancor più quando il resto del mondo festeggia spensierato le grandi ricorrenze:

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Circa 20mila fedeli hanno partecipato ieri a Gerusalemme alla processione della Domenica delle Palme. A guidare il tradizionale rito è stato il patriarca latino Fouad Twal: è stato un corteo festoso che si è snodato dal Santuario di Betfage fino alla Chiesa di Sant’Anna, presso l'ingresso della Città Vecchia. L’appuntamento di quest’anno è stato caratterizzato, in particolare, dall’attesa gioiosa del viaggio che il Papa compirà in Terra Santa nel prossimo maggio e dalla speranza del messaggio che porterà in questi luoghi spesso tormentati dai conflitti. Ascoltiamo in proposito padre Giovanni Claudio Bottini, dei Frati Minori, decano emerito dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, al microfono di Gabriele Palasciano:

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

L’elemosiniere ne porterà 1.200 copie al carcere di Regina Coeli

I detenuti nel carcere romano di Regina Coeli riceveranno come dono pasquale di Papa Francesco 1.200 copie del Vangelo tascabile: le consegnerà mercoledì prossimo, 16 aprile, l’arcivescovo elemosiniere Konrad Krajewski nel corso di una visita alla struttura detentiva di via della Lungara.

È lo stesso volumetto contenente anche gli Atti degli apostoli che fu regalato ai fedeli presenti all’Angelus di domenica 6 aprile e alla messa celebrata dal Pontefice lo stesso pomeriggio nella parrocchia di San Gregorio Magno alla Magliana.

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

Venerdì Santo – il 18 aprile – al Colosseo, la Via Crucis presieduta dal Papa inviterà a riflettere sulla crisi economica e le sue gravi conseguenze, sulle storie degli immigrati, sui mali che strappano alla vita tanti giovani. I testi delle meditazioni – che saranno pubblicati martedì dalla Libreria Editrice Vaticana – sono stati scritti da mons. Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Boiano, che nelle 14 stazioni della Passione ha portato le piaghe del mondo di oggi e tutti quei drammi conosciuti come pastore di diocesi del Sud d'Italia: le morti provocate dai rifiuti tossici, le condizioni dei detenuti nelle carceri sovraffollate. Nel servizio di Tiziana Campisi le anticipazioni dei contenuti:

Leggi tutto...

 
Novità - Eventi di rilievo

I missionari cattolici in Camerun dopo il rapimento dei due confratelli Fidei donum

«La gente è rimasta molto colpita da questo rapimento, ci sta dimostrando simpatia e solidarietà, nessuno vuole che noi partiamo»: lo scrivono i missionari fidei donum comaschi presenti nella diocesi di Maroua-Mokolo, in Camerun, la stessa dove nella notte tra il 4 e il 5 aprile sono stati rapiti due preti della diocesi di Vicenza, don Giampaolo Marta e don Gianantonio Allegri, e una religiosa canadese, suor Gilberte Bussière. «Le autorità camerunesi — scrivono in una lettera inviata a «Il Settimanale», periodico della diocesi di Como — ci hanno assicurato che rafforzeranno la sicurezza intorno a tutte le missioni, non solo quelle dove ci sono i bianchi, perché ritengono il lavoro della Chiesa molto importante per la costruzione di valori di pace e fraternità. In effetti finora in Camerun le diverse religioni hanno convissuto pacificamente e nessuno vuole la guerra». www.osservatoreromano.va

 
In evidenza

La redazione di Tele Radio Padre Pio intervista Mons. Calogero Peri su

PER UN’ALTRA VIA - L’INCONTRO CHE CAMBIA LA VITA E LA VIA


#riflessioniperlaquaresima

 


Per un'altra via. La nuova lettera pastorale di Mons. Peri

 

 


 

I commenti ai Vangeli - di Mons Calogero Peri

Ogni mercoledì 29/1/2014, 05/02/2014, 12/02/2014, 19/02/2014, si potranno trovare nella rivista "a sua immagine" i commenti di Mons. Calogero Peri ai Vangeli della settimana.

 


Tre nuovi misteri per la preghiera del Rosario

 

di fr. Matteo Siro

Mons. Calogero Peri, frate cappuccino, vescovo della Diocesi di Caltagirone (CT), in occasione della terza Peregrinatio diocesana di Maria SS. del Ponte, ha aggiunto nella preghiera del Rosario i “misteri della Consolazione” e i “misteri della Misericordia”.

Il video dell’intervista a mons. Calogero Peri, andata in onda su teleradiopadrepio (canale 145 del digitale terrestre), è stato caricato sul canale di youtube

padrepiotv

Leggi tutto

Accoglienza